Antico Camino

Dal nostro Blog

Santa Maria di Leuca

È sufficiente conoscere l’etimologia del nome della località di Santa Maria di Leuca per immaginare in un attimo una città bianca e luminosa. Da Leukòs infatti deriva il nome, che significa bianco. Su questo promontorio si ergono la Basilica fortificata nel 1700 contro gli assalti turchi e saraceni, detta anche Santa Maria De finibus terrae (della fine del mondo), in base a un’antica credenza che la riteneva al limite di tutte le terre emerse e il famoso faro (alto 48 metri, a 102 sul livello del mare). Leuca conta poco più di 1000 anime ma in estate diviene una popolosa zona balneare. Possiede un porto antico e un bellissimo lungomare, ricco di oleandri e ville in foggia liberty.

Le ville ottocentesche sono di grande attrazione per i turisti ai quali vengono aperte nel mese di maggio. Nel corso della seconda guerra mondiale furono modificate e adattate per accogliere gli sfollati e balaustre e ringhiere decorative vennero utilizzate per produrre armi. Anche chi non ha mai avuto la fortuna di visitare uno dei luoghi più caratteristici del Salento, può facilmente immaginare quanta ricchezza sia contenuta in questo piccolo borgo. Qui sono custoditi secoli di storia, patrimoni culturali e leggende affascinanti, qui lo Ionio e l’Adriatico si incontrano e si fondono mescolando le proprie acque (tra Punta Meliso e Punta Ristola parte infatti la linea immaginaria che divide le due parti del Mediterraneo.